La dichiarazione può essere presentata entro il 31 marzo 2017 per tutte le somme affidate agli Agenti della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2016

Con circolare n. 2/E dell'8 marzo 2017, l'Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti su alcuni aspetti della procedura di definizione agevolata in relazione ai carichi affidati da parte delle Entrate.
Si evidenzia, tra l'altro, che:

  • contribuenti hanno tempo fino al 31 marzo 2017 per presentare agli Agenti della riscossione la dichiarazione su quali debiti intendono attivare la procedura di definizione agevolata introdotta dal decreto-legge 193/2016;
  • la dichiarazione può essere presentata per tutte le somme affidate agli Agenti della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2016 e permette di evitare di pagare sanzioni e interessi di mora, versando solo il capitale, gli interessi, le spese sostenute per le procedure di recupero del credito e l’aggio dovuto agli Agenti della riscossione.
Nella circolare, inoltre, vengono fornite risposte agli operatori in merito ai carichi che contengono solo somme dovute a titolo di sanzioni e che possono essere definiti, purché le sanzioni siano di carattere amministrativo-tributarie.
Si ricorda, infine, che se dopo aver avviato il procedimento, il contribuente non paga integralmente o paga in ritardo le somme da versare in un'unica soluzione oppure una delle rate, la definizione agevolata perde di efficacia e la procedura non va a buon fine. In questi casi, pertanto, viene meno il beneficio previsto dalla legge.
In allegato, la circolare n. 2/E dell'8 marzo 2017 dell'Agenzia delle Entrate.


  • Grafiche E. Gaspari Srl
  • Via M. Minghetti 18
  • 40057 Cadriano
  • di Granarolo Emilia (Bologna)
  • Certificazione ISO
  • Certificazione ISO:9001
    per l'Area Servizi

MEPA - Acquisti in rete

© Copyright 2017 Gaspari S.r.l.