L'Anac fornisce chiarimenti in merito alla configurabilità del controllo pubblico congiunto in società partecipate da una pluralità di PA ai fini dell'avvio del procedimento di vigilanza per l'applicazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione e trasparenza

Con delibera n.859 del 25 settembre 2019, l'Anac si è espressa in materia di controllo pubblico congiunto di società partecipate da più pubbliche amministrazioni, precisando che, ai sensi del combinato disposto dall'art. 2-bis, co. 2, lett. b) del d.lgs. 33/2013 e dell'art. 2, co.1, lett. b) ed m), del d.lgs. 175/2016:

  • ai fini dello svolgimento delle proprie attività di vigilanza nei confronti di società partecipate da più amministrazioni, viene considerata la partecipazione pubblica maggioritaria al capitale sociale quale indice presuntivo della situazione di controllo pubblico, con la conseguente applicabilità delle norme previste per le società a controllo pubblico nella legge 190/2012 e nel d.lgs. 33/2013;
  • la società interessata che intenda rappresentare la non configurabilità del controllo pubblico è tenuta a dimostrare sia l’assenza del coordinamento formalizzato tra i soci pubblici, desumibile da norme di legge, statutarie o da patti parasociali, sia l’influenza dominante del socio privato, ove presente nella compagine societaria;
  • restano ferme le definizioni contenute nell’art. 2 del d.lgs. 39/2013 per l’individuazione degli enti di diritto privato in controllo pubblico, ai fini dell’applicazione della disciplina in materia di inconferibilità e incompatibilità di incarichi.


  • Grafiche E. Gaspari Srl
  • Via M. Minghetti 18
  • 40057 Cadriano
  • di Granarolo Emilia (Bologna)
  • Certificazione ISO
  • Certificazione
    UNI EN ISO 9001
    per i servizi di stampa e postalizzazione

© Copyright 2019 Gaspari S.r.l.